1917.org

Il sito della rivoluzione d'Ottobre

Rykov

Alexey Ivanovich Rykov Alexey Ivanovich Rykov, nacque il 25 febbraio 1881 a Saratov, da una famiglia di agricoltori.
Si uný al partito socialdemocratico russo nel 1898 e sostenne la fazione bolscevica quando si divise dai menscevichi nel 1903. Svolse un ruolo importante come esponente bolscevico a Mosca e S. Pietroburgo durante la rivoluzione del 1905.
Divenne membro del comitato centrale del partito al terzo congresso di Londra nel 1905. Sostenne Lenin nella sua lotta per la direzione dei bolscevichi nel 1908-1909 contro Alexandr Bogdanov, ma fu contrario alla formazione di un partito separato nel 1912. La disputa venne interrotta a causa del suo arresto e del suo successivo esilio in Siberia.
Si ricongiunse ai suoi compagni rivoluzionari, solo dopo la rivoluzione di febbraio del 1917, pur rimanendo scettico sulle inclinazioni bolsceviche pi¨ radicali. Divenne membro del soviet di Pietrogrado e di quello di Mosca. Al sesto congresso del partito bolscevico, nel mese di Luglio-Agosto 1917, fu rieletto al comitato centrale. Durante la rivoluzione di ottobre divenne membro del comitato rivoluzionario militare a Mosca.
Dopo la conquista del potere da parte dei bolscevichi, Rykov venne nominato Commissario del popolo per gli Interni.
Il 3 aprile 1918, fu eletto presidente del Consiglio supremo dell'economia nazionale e dal 5 luglio ad ottobre 1919 fece parte del ricostituito Consiglio militare rivoluzionario. Da luglio del 1919 e fino ad agosto del 1921, fu inoltre rappresentante speciale del Consiglio del lavoro e della difesa per gli approvvigionamenti di generi alimentari dell'esercito e della marina.
Al nono congresso del partito comunista (5 aprile 1920) fu designato al comitato centrale e nel relativo Orgburo (ufficio organizzativo). In quegli anni, con Nikolay Bukharin e Mikhail Tomsky, form˛ l'ala moderata del partito comunista, promuovente un ripristino parziale dell'economia di mercato nell'ambito delle politiche di NEP.
Quando Lenin si ammal˛ nel 1922, Rykov divent˛ il suo sostituto al Sovnarkom (il Consiglio dei commissari del popolo) e dopo l'undicesimo congresso del partito aggiunse ai suoi incarichi di dirigente del Politburo.
Dopo la morte del Lenin il 21 gennaio 1924, Rykov succedette a lui come presidente del Sovnarkom della federazione russa (dal 2 febbario 1924 al 18 maggio 1929) e del Consiglio dei commissari del popolo dell'Urss fino al 1931, quando venne sostituito da Vyacheslav Molotov. GiÓ dal 1929 Rykov si era trovato in contasto con Stalin, per aver disapprovato lo sterminio dei kulak.
Nel mese di marzo 1938, dopo aver perso progressivamente le sue cariche, Rykov, come Bukharin, Genrikh Yagoda, Nikolai Krestinsky ed il cristiano Rakovsky, fu accusato di tradimento e giustiziato il 15 marzo di quello stesso anno.