1917.org

Il sito della rivoluzione d'Ottobre

Yan Rudzutak

Yan Rudzutak Yan Rudzutak (o Janis Rudzutaks) nacque il 3 agosto 1887 a Kuldiga nel distretto del Governatorato di Courland (Lettonia) da una famiglia di un lavoratori agricoli. Nel 1903 iniziò a lavorare in una fabbrica a Riga. Due anni più tardi entrò a far parte del partito socialdemocratico lettone del lavoro. Nel 1907 venne arrestato e condannato a 10 anni di detenzione.
Scontò la condanna in un parte presso il carcere di Riga, successivamente fu trasferito al carcere Butyrka di Mosca. Rudzutak fu rilasciato dopo la Rivoluzione febbraio del 1917.
Dopo la sua liberazione, occupò diversi incarichi nel partito bolscevico e nell'attività sindacale. Divenne amico e collega di lavoro Vladimir Lenin. Dal 1920 al 1921 fu segretario generale dell Consiglio Centrale dei sindacati di Russia. Dal 1922 al 1923 Rudzutak divenne presidente dell'ufficio politico del Comitato Centrale del Partito comunista dell'Asia centrale e, dal 1923 al 1924, segretario del Comitato Centrale.
Dal 1924 al 1934, fu Commissario del popolo per il Trasporto. Nel 1926 Rudzutak fu nominato vice presidente del Consiglio dei commissari del popolo e mantenne questa carica fino al 1937.
Egli rimase membro del Comitato Centrale del Partito comunista dell Unione Sovietica dal 1920 fino al 1937. Candidato al Politburo dal 1923 al 1926, e successivamente dal 1934 al 1937, fu membro a pieno titolo del Politburo dal 1926 al 1932.
Il 24 maggio 1937, Rudzutak venne arrestato su ordine di Stalin. Egli venne accusato di trotzkismo e di collaborazionismo con la Germania nazista. Condannato a morte nei famosi Processi di Mosca, fu fucilato il 29 luglio 1938 dall'NKVD. La sua morte fu circondata da un muro di silenzio.
Nel 1956 il "caso Rudzutak" venne riesaminato. Come risultato, egli fu riconosciuto innocente e venne riabilitato tra le grandi figure del partito comunista.
Nelle memorie di un altro bolscevico, Anastas Mikoyan, si ricordava che, prima della morte di Vladimir Lenin nel 1924, il nome di Rudzutak era tra quelli proposti nel Polituro come sostituto di Joseph Stalin nella carica di segretario generale del Partito comunista.