1917.org

Il sito della rivoluzione d'Ottobre

Krestinsky

Nikolai Nikolaevich Krestinsky Nikolai Nikolaevich Krestinsky nacque a Mogilyov il 13 ottobre 1883.
Figlio di un insegnante, si unì al partito socialdemocratico del lavoro nel 1903 e due anni dopo aderì alla fazione bolscevica.
Partecipò alla rivoluzione del 1905 a San Pietroburgo e, conseguentemente, fu espulso dalla città. Riuscì a rientrare nella capitale russa per riprendere e concludere (1907) gli studi universitari alla facoltà di legge. Iniziò a lavorare come avvocato senza abbandonare l'attività politica. Si candidò tra i Bolscevichi alle elezioni per la Duma, ma allo scoppio della prima guerra mondiale venne arrestato e deportato ad Ekaterinburg.
Liberato dopo la rivoluzione di febbraio, Krestinsky entrò a far parte del Comitato Centrale del partito. Vladimir Lenin, divenuto capo del governo, lo nominò Commissario del Popolo per le finanze.
Fu eletto membro del primo Orgburo sovietico (sotto-comitato del Politburo) il 16 gennaio 1919 e del primo Politburo il 25 marzo 1919.
Al termine della guerra civile divenne sostenitore di Lev Trotzkij ed appoggiò l'Opposizione di Sinistra fino al 1928.
Krestinsky perse progressivamente il suo posto nella gerarchia politica quando Stalin iniziò la sua scalata al potere. Egli accettò l'incarico di ambasciatore sovietico a Berlino.
Nel 1937 fu espulso dal partito comunista ed arrestato insieme a Bukharin, Rykov ed altri, durante le grandi "eliminazioni dei fogli inceppati" volute dallo stesso Stalin.
Il 12 marzo 1938 Krestinsky negò di fronte al tribunale tutte le accuse di tradimento di cui era imputato, ma il giorno seguente venne costretto a ritrattare e, facendo un'inversione totale della propria posizione, si dichiarò colpevole. Condannato a morte, venne giustiziato a Mosca il 15 marzo 1938.
La sua figura venne riabilitata in parte da Khruschev e, definitivamente, durante la perestroika.