1917.org

Il sito della rivoluzione d'Ottobre

Bubnov

Andrei Sergeyevich Bubnov Andrei Sergeyevich Bubnov nacque a Ivanovo-Voznesensk il 23 marzo 1883.
Studiò al'Istituto di agricoltura di Mosca e divenne membro del partito bolscevico dal 1903.
Per la sua militanza politica venne arrestato tredici volte. Nel 1909 prese l'incarico di organizzare gli scioperi degli operai di Nizhny Novgorod. In seguito collaborò al giornale Pravda ed allo scoppio della prima guerra mondiale si impegnò a promuovere il movimento pacifista.
Arrestato nuovamente nel 1916, Bubnov venne esiliato in Siberia. Dopo la rivoluzione di febbraio fu liberato e tornò a Mosca dove fu eletto al soviet della città e nominato tra i sette membri del Politburo.
Contribuì ad organizzare la Rivoluzione d'Ottobre come membro del comitato militare rivoluzionario e dal 1918 occupò cariche di responsabilità nel partito.
Durante la guerra civile fece parte degli organismi militari in Ucraina. Al termine del conflitto entrò nel comitato del partito a Mosca e aderì al gruppo de "l'opposizione di sinistra".
Nel gennaio 1924, si piegò a sostenere Stalin e fu ricompensato con la nomina a Capo di controllo politico dell'esercito rosso. Nominato al Comitato centrale, sostituì Lunacharsky come Commissario del popolo per la cultura, carica che mantenne fino al 1934.
Espulso dal partito nel novembre 1937 e arrestato nel corso dell'"eliminazione dei fogli inceppati" nelle file del partito promossa da Stalin, Andrei Bubnov perì in carcere il 12 gennaio 1940.