1917.org

Il sito della rivoluzione d'Ottobre

La leggendaria tachanka

Monumento alla 'leggendaria tachanka' a Rostov sul Don La tachanka era un veicolo da combattimento costituito da una piattaforma, di solito un carro o un calesse, trainata da cavalli, sulla quale era installata, nella parte posteriore, una pesante mitragliatrice. Una tachanka poteva essere trainata da due a quattro cavalli e richiedeva un equipaggio di due o tre persone (un conducente e due addetti alla mitragliatrice).
Ci sono varie ipotesi plausibili circa l'origine della parola tachanka. Il dizionario etimologico di Max Vasmer suggerisce che la parola derivi dall'ucraino netychanka (in polacco najtyczanka), un tipo di mezzo di trasporto in uso nella regione dalla Neutitschein, ora Nový Jicín (Repubblica Ceca).
Secondo un'altra ipotesi si tratterebbe del diminutivo ucraino della parola tachka (in russo 'carriola').
Per un'altra tesi ancora si tratterebbe della contrazione della parola 'Tavrichanka', una robusta carrozza nota in Ucraina e in Crimea meridionale, il cui nome derivava a sua volta da quello della regione di "Taurica".
Un carro di uso civile poteva essere facilmente convertito in una tachanka per uso militare e viceversa. Questo rese molto popolare il mezzo durante la Grande Guerra sul fronte orientale, dove veniva utilizzato dalla cavalleria russa. L'uso della tachanka raggiunse la sua massima diffusione durante la rivoluzione russa del 1917 e la successiva guerra civile (1918-1920), in particolare nelle regioni contadine del sud della Russia e Ucraina, dove le zone di combattimento erano molto mutevoli. Essa rivoluzionò la tattica e la strategia, grazie alla sua versatilità.
La Tachanka si rivelò un'arma innovativa che sfruttava la sua velocità per sorprendere il nemico. Prima della comparsa dei veicoli a motore, essa fu l'unico mezzo di mobilità ad alta velocità per l'artiglieria pesante. La dinamicità del carro veniva utilizzata per spostare la mitragliatrice in posizione di tiro e consentiva di aprire il fuoco sul nemico prima che esso avesse la possibilità di posizionarsi. Il mitragliatore puntato verso la parte posteriore del carro risultava efficace anche per contrastare la cavalleria nemica durante i ritiri.
Il capo anarchico Nestor Makhno sperimentò l'uso della tachanka in massa. Le forze di Makhno divennero famose per l'uso della tachanka tanto che la zona dell'Ucraina controllata dai makhnoviti divenne famosa come "la repubblica sulla tachanka". L'insurrezione armata rivoluzionaria di Ucraina utilizzò la tachanka principalmente contro la cavalleria nemica ma anche per il trasporto della fanteria, migliorando così la mobilità delle forze armate (circa 100 km ogni giorno). Successivamente il mezzo fu adottato da diverse forze armate, in particolare dall'esercito polacco che lo utilizzò durante la guerra polacco-bolscevica.
Inizialmente piuttosto improvvisato, con il passare del tempo divenne sempre più perfezionato dall'esercito polacco che fabbricò due modelli di taczankas, come vennero chiamati in Polonia. Essi furono utilizzati durante la guerra di difesa polacca del 1939 contro la Germania nazista, per fornire sostegno agli squadroni di cavalleria.
Nonostante un certo grado di standardizzazione, l'armamento della tachanka era, nella maggior parte dei casi, improvvisato. In Russia venne spesso utilizzata la mitragliatrice Maxim HMG. La cavalleria polacca nella guerra polacco-bolscevica si servì invece di diversi tipi di MGS e HMGs disponibili, compresa la Maxim, la Schwarzlose MG M.07/12, la Hotchkiss e la Browning. In seguito i modelli polacchi furono dotati di Ckm wz.30, una modifica della mitragliatrice Browning M1917, adatta anche per il fuoco anti-aereo.
Le tachanka furono adottate anche dalla Wehrmacht, che ha utilizzò il modello Jf. 5 armato con doppio MG34 per la protezione anti-aerea della fanteria durante la Seconda Guerra Mondiale.
Una famosa canzone russa celebrativa delle imprese dell'Armata Rossa durante la guerra civile venne dedicata alla Tachanka (1937) e recitava:
Vola dalla strada, uccello
Esci dalla strada belva
Vedi le nuvole turbinare
I cavalli si lanciano in avanti
Dall'incursione, dalla curva
Contro le spesse catene del nemico
Con la mitraglia ha mitragliato
Il giovane mitragliere
Ehi! Tachanka stratachanka
Nostra bellezza, nostro orgoglio
Tachanka dell'Armata rossa
In tutte quattro le ruote
Dalla Volga e dal Don
Corre in avanti sulle steppe infuocate
Abbronzato e avvolto dalla polvere
Un giovane mitragliere
Sulla terra rumoreggiano i carri armati
Gli aerei volteggiano in alto
In cielo gli aviatori cantano
Della tachanka di Budënnyj